Categorie
Esperienze Il mio lavoro coi ciuf ciuf Lorena Chiara

Lettera a Babbo Natale #1

Entro a Milano e nevica…Milano, non è che non mi vede mai, gridare al miracolo e fare addirittura nevicare!!!

Caro Babbo Natale,

Domattina monto le termiche, mi hai convinto, ma ti prego: non fare attecchire!! Adoro la neve, Milano, poi, è magnifica e romantica…tutto diventa un sogno, ogni cosa prende sembianze fiabesche, così romantico e intimo. Una vera favola a occhi aperti…e poi posso giocare a fare i traversi..evvai..ma la strada non è il luogo idoneo per farli, quelli li vado a fare in zone isolate, senza mettere in pericolo nessuno, perché in strada diventa tutto pericoloso, non sono in sicurezza e ci sono troppi incapaci che la popolano..e non dimenticare che non posso permettermi ritardi col mio lavoro, alla mia azienda non gliene frega nulla!!!

Ti pregoooooo: neve bella, non attecchire!!

Babbo Natale, come regalo, fammi che la neve questo inverno non attecchisca su nessun binario d’Italia, perché ricorda che lavoro infame faccio..sai che ci tocca vivere: sappiam, quando partiamo, ma affatto se e quando torniamo; non sappiamo se e quando mangiamo; se i treni funzionano; se avremo luce e soprattutto freddo…avrò migliaia e migliaia di passeggeri che, insensibili, se la prendono con noi, senza capire che se non ci aggrediscono, sereni possiamo offrire un servizio migliore e maggior efficienza, perché anche noi siamo esseri umani e non siamo l’azienda. Fidati che non mi interessa fare l’eroina sui treni, ho mille pregi per cui già distinguermi, quindi l’eroina non mi serve farla. Ho già dato a febbraio e mi stra-avanza. Ricordi??? Dovevo andare a dormire ad Ancona. Dovevo arrivarci per le 21 circa, peccato che già a Bologna non ci han fatto cenare e Ancona l’ho vista alle 7,47 del giorno dopo. I passeggeri han dormicchiato e alcuni anche dormito. Son stati al caldo, perché fortuna vuole, che il mio treno è funzionato fino all’ultimo, seppur tentennando. Il mio Cst, i miei macchinisti e io, invece, ce ne siam dovuti stare a occhi spalancati a oltranza, mica facile, se consideri le 36 ore totali di completa veglia e siam dovuti andare noi dentro la neve, se no i passeggeri come li mettevamo insicurezza??? Ora, a me andò, tutto sommato, stra bene, perché ho lo spirito giusto e perché con quell’esperienza son cresciuta molto sia personalmente, che, soprattutto, professionalmente, ma perché va bene a me, non vuol dire che accada lo stesso ai miei colleghi, quindi la mia richiesta vale anche per loro….ti prego: non attecchire, non attecchire, non attecchire, non attecchire, non attecchireeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee 

Lascia un commento