Categorie
Emozioni Lorena Chiara

Il MIO risveglio poetico…ecco la mia sveglia :-)

E’ colpa di queste parole, se stamane ferma nel letto
Non potei star nemmeno un altro pochetto.

Non so da cosa dipese, ma sentii di stare in paradiso,
Come se ad avvolgermi, fu solo quel suo dolce sorriso.

Risi stupita e sopraffatta,
A dir poco tanto tantissimo esterrefatta.

Il sonno mi invadeva e mi schiacciava,
Ma cavoli, che emozione: il sorriso mi stravolgeva!

Iniziai a rigirarmi nel letto impaziente
E, combattuta per il forte sonno, cercai imperterrita di far finta di niente.

Ma niente,
non vi fu verso!
Le parole facevan a cazzotti nella mia mente
E il mio gioco su presto che perso.

A dormir, volli tornare,
Ma irrequieta e impossessata dalle parole, dovetti arrendermi: fu l’unica cosa da fare.

Lo so: son l’unica pazza a risvegliarmi e a non poter dormire, per un gioco infausto di rime,
Ma come non cedere alla loro beltà senza fine???

Credo e, sinceramente, penso,
Che per ora, potrei continuar, talvolta anche senza alcun senso.

Ormai, alzare mi son dovuta,
Il mio corpo da qualche minuto, rassegnato, così, sveglia, mi ha veduta.

Forza allora, alla giornata diamoci,
In pasto a mille nuove avventure, gettiamoci.

Son sicura che pensiate io sia folle,
Ma che ci posso far se il mio cor non è, poi, così molle?

Ahhhh, infame formicolio dai piedi, ora, alle ginocchia sale,
Fermi e ferma, che qui alzarmi fa male.

Ok, sembra che passi,
Un altro pochino ed è ecco andato via il formicolio, come mi fosse passato Addosso uno schiacciasassi;
Ora che i piedini, sembran a sì mover poter tornar.
Di corsa, di corsa, a preparar la colazione per poi ricominciar,
Questa nuova magnifica, splendida giornata in cui avventurarsi, andar.

Che bello, però, iniziar il nuovo giorno con le rime in testa,
Che giocan tra loro, come miriadi di parole in festa.

Mi sa tanto di mental e cor ricchezza,
Cielo, che gioia e felicità mi regala cotanta consapevolezza.

A voi, che gioir di questo non potete,
Spero possiate almeno un po’ assaggiar della mia gioia, se volete
Ed esser travolti dal mio carisma,
Come fosse un fascio di luce a investir uno splendido prisma.

Bongiorno, a voi che sol ora v’alzate,
Vi auguro mille nuove avventure in questo giorno in cui fra poco, a capofitto, vi buttate.

Lascia un commento