Categorie
Domande

Domanda da un amico ( 1 )

“Se una persona è ignorante, non è colpa sua, ma se è anche maleducata, secondo te, è conseguenza dell’ignoranza? Oppure la maleducazione non ha niente a che fare con l’ignoranza? ”

La maleducazione ha e non ha a che fare con l’ignoranza. Soprattutto oggi. Ciascuno di noi decide se essere o non essere ignorante o colto o altro. Ignorante è, per definizione, colui che ignora, ma se uno ignora è suo compito trovare il modo di smettere di ignorare, ovvero se io non so qualcosa o non sono ferrata su un determinato argomento, sta a me preoccuparmi di reperire le informazioni che mi mancano. Se io ignoro, sta a me “acculturarmi”. Il cervello lo abbiamo tutti, ma la differenza la facciamo ciascuno di noi, in base a come lo usiamo questo benedetto cervello. Sta a me rimediare ai miei deficit e riempire i miei vuoti informativi su qualunque fronte. Se siamo o rimaniamo ignoranti, è solo colpa di ciascuno di noi. Non è il livello di istruzione o quanti soldi hai che fanno la differenza, ma TU e solo tu..basta. Non siamo giustificati nell’ignoranza, intesa come quella persistente.

 

Io posso non sapere che esiste una lingua, che si chiama “ladino”, ma nel momento che una persona lo porta a mia conoscenza o che lo leggo da qualunque parte, cerco su internet, sui libri.. non ho internet o soldi per i libri? Allora mi reco in biblioteca o chiedo a quante più persone possibili, finché non mi ritengo soddisfatto delle informazioni reperite. Dopodiché, non sarò più ignorante su quel fronte. Ora so che esiste e mi sono informato. Questo vale per tutto.

Idem più o meno per la maleducazione.

Io, quando ero alle elementari, guardavo le maestre e ambivo a parlare forbito come loro. Chiaramente ero molto piccola e non potevo ancora sapere che potevo ambire a esempi di cultura migliori della maestra elementare. Per me, però, è sempre stato molto difficile, perché ho una memoria da schifo e mi è costata minimo il doppio della fatica a imparare e a memorizzare rispetto agli altri e non ho mai raggiunto il livello che ho sempre voluto, ma non mi sono mai arresa, mi sono sempre sacrificata e faccio del mio meglio per arrivare sempre più vicino al livello che desidero.

Se mi rendo conto che non risulto appropriata, faccio del mio meglio per cambiare, per migliorarmi. Se, essendo cresciuta per tutta una vita con gli uomini e mi rendo conto che sono troppo scurrile o fuori luogo, quando mi trovo in certe situazioni, specie se in pista con gli uomini, sta a me impegnarmi sempre di più a correggere e a modificare quello che per me è un modo sbagliato. Non sempre è facile. Spesso si deve agire su abitudini e convinzioni insiste nel nostro profondo, però si possono modificare, ci si può lavorare su, basta impegnarsi sempre di più e perseverare, ma tutti questi discorsi sono validi solo se c’è la reale volontà di migliorarsi e di cambiare, come chi vuole smettere di fumare o fa la dieta. Il più delle volte lo si vuole, ma non se ne è convinti fino in fondo, perché ci sono un milione di ancoraggi a certe abitudini e tante paure per qualcosa che non conosciamo, ma, benché tutto questo sia comprensibile, ciò questo non toglie che non siamo giustificabili.

Il cervello e l’intelletto lo hanno TUTTI, nessuno escluso, ma ci sono alcuni..forse molti direi 😛 ..che scelgono volontariamente di usarlo solo in determinate situazioni, a loro discrezione; per il resto, è tutto un: ” e ma io non sono intelligente..e ma io non ho studiato..e ma io non ho la cultura che hai tu..e ma tu sei quello sveglio e intelligente”… questo perché si ha bisogno di dipendere dagli altri per sentirsi utili, necessari, per sentirsi voluti. Sentire che c’è qualcuno che si occupa di lui, quindi la persona a cui ti riferisci può esser giustificata sia per ignoranza che maleducazione solo fintanto che non se ne rende conto o non ha la consapevolezza di ciò, ma se anche solo una volta le viene fatto presente questa sua mancanza, allora non ha più giustificazioni. A quella persona sta bene così, perché se non lo fosse stato bene, avrebbe fatto qualcosa per cambiare e non l’ha fatto.

Chiaro? ;-)))

Lascia un commento