Anche QUESTO è Natale!!!

Anche QUESTO è Natale!!!

Altra adozione fatta oggi e io GODOOOOOOOOOOOOO.

“CHI SE NE FREGA SE NON SAREBBE IL MOMENTO, 25 EURO A ME NON RENDONO PIU’ POVERA E POI FAR DEL BENE INNESCA STRANI FANTASTICI MECCANISMI”….Sempre meno tollerante..anzi, tollerante ZERO..da oggi, verso chi mi spara emerite stronzate, quali NON HO TEMPO, NON HO SOLDI, perchè proprio persone, che stanno tra di voi, fanno cose, che chi potrebbe davvero fare, NON FA. Oggi, la mia amica, ha fatto questo ENORME gesto di , CON UNA GRAVE SITUAZIONE ECONOMICA ALLE SPALLE e le sue parole sono state quelle scritte sopra. E’ la seconda persona in situazione di criticità economica sul grave andante, che fa con me questo atto di , consapevoli, che aiutare non ci rende poveri, ma ci arricchisce SOLO!!!

Grazie amiche mie, sono certa, che la vita vi ripagherà di tutto questo, ve lo meritate.

Ci sarà qualcuno, che prende esempio da queste 2 anime????? PREGO!!!!!

GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE

Anche QUESTO è Natale!!!

35 anni di vita insieme per i miei genitori

Oggi, 14 ottobre, i miei genitori festeggiano ben 35 anni di vita insieme.
Assolutamente un traguardo spaziale!
Mi verrebbe da dire come tutti, che è un bell’esempio di vita da dare e condividere, specie coi propri figli..noi due.
Io, onestamente, ci penso e ci ripenso e non so se considerarlo davvero un bell’esempio. Un bell’esempio è quando si raggiungono obiettivi, grandi o piccoli che siano, quando si fa qualcosa, che ti rende felice e quando vivi una vita felice, non quando vivi alla resistenza. I matrimoni, che oggigiorno durano tanti anni sono per valori veri o per resistenza allo stare insieme qualunque cosa accada??? Io nei miei genitori vedo solo questo: due persone che stanno insieme, a qualunque costo, anche se non sono mai stati felici. Molto della loro infelicità è dovuta alle influenze e interferenze delle relative famiglie di origine. Chissà se vale davvero vivere così tanti anni con la stessa persona, vivendo, sempre o quasi, male e infelici. Per me, no. Non ne vale la pena, ma loro arrivano da una cultura diversa, una cultura con radici profonde nel fare le cose in funzione di quello che pensano e potrebbero dire gli altri, quindi, piuttosto, non ti molli mai per non dare soddisfazioni agli altri.
Beh, come andrà fino alla fine dei loro giorni, né io né nessun altro lo saprà mai, se non vivendo il presente giorno per giorno. Di sicuro, loro, nel bene e nel male, hanno fatto la scelta razionalmente consapevoli, inconsapevolmente irragionata, di condividere tutta la loro vita insieme e noi figli stiamo aiutando a modo nostro, per fargli vivere la “coppia” al meglio.
Voglio solo ricordare entrambi con una frase, che mio padre mi dice sovente, quando mia madre non c’è?: “lo so che lei è difficile e mi fa molto male così acida, eppure io la amo così e non la cambierei mai con nessun’altra donna al mondo”..detto da un uomo di 61 anni, a cui non è mai stato insegnato a manifestare apertamente i sentimenti e che ha detto il primo “ti voglio bene” della sua vita solo 3 anni fa..proprio a me!!!!

Così li voglio sempre ricordare e questo solo voglio prendere d’esempio da loro.

Felice vita, miei amati genitori…da manicomio :-p

Dormire 4 ore abbondanti per: …

Dormire 4 ore abbondanti per:

– per andare a prendere a mezzanotte un amico, che ha perso l’ultimo metro e fargli risparmiare il taxi e una lunga camminata sotto il diluvio;
– per riaccompagnarlo alle 6.45 e così tutta questa settimana, fino a domani prima del volo, perché è venuto da Londra per fare da staff a un corso di formazione e tra noi si fa, che siamo uniti più che come in una famiglia;
– tra andarlo a prendere e riaccompagnarlo, prenotare all’1 di notte il volo per Londra per l’Upw a marzo…arrivooooo;
– per stampare il volo con un’altra stampante da 1 pc che più lento non potrebbe esser 0_o;
– ritirare libri ordinati e arrivati con settimane di ritardo per un libro finito (se davvero passasse una legge che prevede il recupero di un tot del pagato, per la quantità di libri che acquisto, tra per me e quelli che regalo, lo stato potrebbe fallire…più di quanto stia facendo ora, intendo :-P);
– andare addirittura al mercato, pratica disumana che non effettuavo da anni or sono, per trovare le mie bacche di Goji, finora sempre prese online e necessarie per una vegetariana sana, che domani parte per l’Australiaaaaaa…yeaaah;
– andare dal fruttivendolo;
– sbrigare addirittura pratiche per la commercialista..ok, mi sto ammalando, sono grave 😛
– dedicarmi alla mia rendita, perchè dormendo, non riceverei la mia rendita, PER ORA SOLO DI 250 € al mese e prossimamente di 1 zero in più e ancora di più;
– passare dai miei;
– respirare l’aria della nostra officina..eddai, quale cosa migliore potrebbe rigenerarmi come respirare e farmi endovena di aria concentrata di motori??? ahhhhh, vita mia, brumbrum terapia mia!!!
– rientrare e trovare che mi è arrivata la mia ennesima carta di credito…ma vieniiii..e con questa sono a 4 carte di credito, tutte con qualcosa dentro, quelle vuote le lascio a voi e da ora si opera per stra riempirle fino a strabordare;
– potevo partire per l’Australia senza aver portato a termine un’altra adozione per Care & Share Italia??? Naaaa, ecco perchè ringrazio di <3 Michele Dimonte, per aver adottato Gouse <3;
– aver iniziato la mia giornata, in realtà mentre guidavo con musica a palla, entusiasta della vita, RINGRAZIANDO, gridando, cantando, intonando GRAZIE all’Universo a più non posso;
– ho sicuramente fatto di più..è che faccio così tanto che non ricordo tutto 😛

Tutto questo in solo 1 ora e 50 minuti, con un pc e connessione di mio padre da supermegadieselritardato 0_0.

Facile???? Facile, dormendo 4 ore abbondanti..facile dormire così poco??? Ma mi avete presa per wonderwoman??? Affatto!!!! Impreco anch’io, sto male anch’io, ma non mi lamento mai, non ne parlo mai, soprattutto non mi focalizzo su ciò che non va, piuttosto su ciò che va e macino come un carrarmato. Sarebbe piaciuto anche me girarmi nel letto e dormire altre..2 ore..già, comunque il mio corpo si è tarato sulle 6 ore..potevo rimanere a letto??? Certo, mettendo in difficoltà il mio amico, sprovvisto di mezzi e che contava sul mio aiuto; procrastinando tutto il resto, che avrei comunque dovuto fare nel resto della giornata, andando ad accumularsi, per, poi, sentirmi soffocare per le troppe cose da fare. La figata è che io così fatto tanto e tutto, dormendo poco e alzandomi presto, che se non avessi una valigia da fare per domani, ora, fatta colazione che devo ancora fare, potrei finire colazione e tornare a dormire per il resto della giornata, regalandomi una giornata di grande relax, mentre praticamente tutti gli..non possono. “Chi dorme, non piglia pesci” è assolutamente vero!!!

Volete ottenere risultati?? Magari grandi e ottimi risultati??? Dovete tirarvi su le maniche, non aver paura di sporcarvi e…già: fare sacrifici propositivi e proattivi. Se sperate che le cose vi piovano dal cielo, rimarrete i falliti che siete, con nulla in mano, sempre a lamentarvi e senza aver mai capito cosa sia esser felici. “Sacrifici”, per me, è una bellissima e positivissima parola. So che la stragrande maggioranza le attribuisce 1 significato negativo e qualche mio amico nemmeno può sopportare questa parola, come “obbrobrio” della comunicazione INefficace, ma per me rappresenta tutto l’impegno, la volontà, la determinazione e TANTO TANTO TANTO di più, per ottenere risultati, ottimi risultati: realizzare i miei sogni, VIVERE i miei sogni, ottenere “la vita che vorrei”, vivere alla grande..i sacrifici che ho fatto sinora mi hanno portato a esser ciò che sono: perfettamente IMPERFETTA, in continua evoluzione e non desidero tornare indietro per nessun motivo al mondo, con la grande soddisfazione dei risultati che ottengo e che raggiungo ANCHE GRAZIE a questi sacrifici. Anche fare un lavoro che non mi appartiene, che non amo, che logora, è un sacrificio ed è un bel sacrificio, perchè è semplicemente uno strumento e un mezzo per raggiungere alcuni scopi, alcuni obiettivi, per creare la mia strada, per scrivere il mio percorso, ecco perchè ho sempre il sorriso.

Vorrei tornare a dormire?? Eheheh, certo che sì..mi gioverebbe??? Per un piffero!!!!
E’ dimostrato che più dormiamo e più il cervello sopisce, invece il ridotto numero di ore di sonno fa sì che il cervello si sviluppi notevolmente, reagisca con sempre maggior rapidità, quindi sia più reattivo e più produttivo..Leonardo Da Vinci non è diventato “Leonardo”, perchè dormiva e passava la vita a lamentarsi “non ho tempo – non ho soldi – la vita fa schifo – non va mai bene niente – che vita di m – siamo in un mondo di m, etc etc”..lui dormiva a cicli di 90 minuti e..che genio è stato!!!!!

Siete voi a decidere che vita volete e come volete esser voi, non sono i fattori esterni (gli altri, il destino, la vita, il mondo, le persone, il capo, il compagno, il genitore..) a determinare ciò..se volete dormire, poltrire e lamentarvi, liberi di farlo, ma non rompete i cxxxxxxi con le vostre lagne a persone come me, che dei vostri lamenti non me ne frega nulla; non venite a idealizzarmi, come fossi wonderwoman, solo perchè a voi costa troppa fatica dormire di meno, cosa che per altro vi gioverebbe un mondo, o fare qualche cosa in più.

Decidete ogni istante se volete vivere una vita passiva, a dormire, perchè è bello dormire, soprattutto nel we, come se il premio della vita fosse SPRECARE tempo prezioso a dormire…(bah), oppure avere una vita felice ed entusiasta, dandovi da fare con sacrifici proattivi per raggiungere i vostri obiettivi, perché ricordatevi che la vita, benché non l’avete chiesta, voluta, “ordinata” su ebay o simili, è e rimane un bene prezioso da centellinare e godere in ogni suo istante, come èun bene prezioso, non richiesto, non voluto, l’aria, l’acqua, l’amore e come tali vanno beneficiati e resi vani, speciali, unici, vitali.

Dormire 4 ore abbondanti per:…mmmh, potrei anche fare finalmente colazione, poi…rimetto il pigiama? Mi rimetto a letto o mi guardo SEX & The CITY e poi letto?? mmmh, dai, colazione ed estetista..la ceretta mi aspetta, perchè ancora poche ore e un volo di 2 giorni mi porta a Perth a 40° di splendido sole, ergo…costumeeee, spiaggiaaaaa, relaaaaaax…no, cancelliamo quest’ultima…ho un programma fitto., poco tempo, tanto da visitare, tanto da VIVERE, persone importanti da amare…vita vivimi che io ti vivoooooooooo…hihihihihihihihi

Ed è solo l’inizio ;-)

E’ lungo, vi avviso…quindi NON le leggete!!!

Ricapitolando dalle ore pre-anno nuovo…: ieri???
A lavoro fino alle 21 e già da Vicenza, arriva un sonno pazzesco. Il collega prende in giro; io son solo stupita, non è da me e, poi, non avevo fatto tanto..da che ho preso servizio..prima è altra storia 😛
Gli occhi non vogliono LETTERALMENTE stare aperti..pazzesco.
Penso: “arrivo a casa, riposo un po’ e, poi, festeggio”.
Alle 22, arrivo a casa, accendo tv, luci spente, mi tuffo sul divano così come sono e con le scarpe..in triplo avvitamento 😉
Ogni tanto sbircio l’orologio sul cell. La mezzanotte si avvicina e il sonno è sempre tanto.
Tutto il tempo in dormiveglia; mi fa compagnia un film-cartone, di cui non ricordo nulla, se non la dolcezza del suono.
Ops, è mezzanotte..l’esplosione dei fuochi me lo fa notare…nuoooo…io AMO i fuochi..impazzisco per stare a naso all’insù?, sotto cieli invasi da fuochi artificiali…stavolta, però, il loro mondo magico, a me ben noto, cambia forma e prospettiva.
Stavolta non è una magica visione, ma una soave melodia, che dolcemente ed energicamente nel contempo, mi culla. Davvero!!!
Il suono dei fuochi mi ha cullata nel momento più magico dell’anno; mi ha consegnata, cullandomi dall’anno appena lasciato a quello in cui siamo entrati, come passasse il testimone in una staffetta e il testimone da passare era la mia vita..e mi son sentita importante.
Fugaci pensieri hanno, per millesimi di secondo, attraversato la mia mente: “sarà da sfigati star qua da sola COSì? Non è triste? Son pazza e qualcosa non va??? Quanto sono strana???”..No, no e ancora no..le risposte a tutte quelle domande.
Consapevolmente, ho cambiato modalità e prospettiva e…è stato un sogno a occhi aperti! Unico, speciale, buffo, dolce, lento…un sorriso mi ha pervaso dal primo fuoco udito..un sorriso dolce..di piacere..di gusto per ogni decimo di secondo di quel tempo infinito, che mi stavo assaporando…ebbene sì, mi stavo assaporando dei momenti unici e irripetibili…mai un istante quel sorriso mi ha abbandonata e lo sentivo più vivo che mai.
Sono quasi le 2. Con violenza, mi alzo, mando un trilione di auguri nell’etere, a chi desideravo far sentire importante coi miei auguri e, con ancor più violenza, mi spingo fino al lettuccio e costretta sotto le coperte.

Risveglio: dopo 6 ore, rieccomi. Son stata consegnata dall’anno vecchio a quello nuovo con dolcezza, calma, lentezza…lentezza???? A me???? Già…un aggettivo che non mi appartiene e che ha caratterizzato un momento topico..tanto da riflettere. La cosa mi puzza…infatti, il seguito della giornata, mi ha fatto recuperare a mille all’ora 😉
Così mi alzo e rieccomi a far le mie mille cose con successo..e soddisfazione!

E’ ora di andar a lavoro..ops, sono in ritardooooo..o almeno, son uscita troppo tardiiiiii…mica faccio un lavoro d’ufficio; non posso mica timbrare in ritardo e recuperare..col mio lavoro, DEVI esserci, costi quel che costi..i treni non aspettano ed è giusto così..quindi, già esci di casa, pregando che non sia il giorno degli imprevisti, non ce lo possiamo permettere; vallo a dire ai treni.
Figuriamoci, poi, se esci come una co….na tardi di casa..e pure tanto…basta???
NO, perchè per la fretta del ritardo, dimentico il cell a casa e quando me ne accorgo??? Km e km dopo..puoi il 1° dell’anno lasciare il tell a casa, quando ti chiama il mondo per gli auguri e quando il mondo si aspetta che lo chiami??? Per non parlare dei messaggi…ok, faccio inversione alla prima occasione e volo a prenderlo…8 minuti persi..solo 8..sono una grande!!!! Son sempre 8 su un ritardo colossale…cxxxo…eppure arrivo al parcheggio, dove lascio la mia brum brum in soli 8 min e 1/2..sul mio tempo record di 11..al di sotto, pensavo fosse praticamente IMPOSSIBILE..e ce l’ho fatta!!! Wow, grande me!!
Scendo dalla mia brum brum e…FORTE buonissima puzza di freni..oh oh..devo aver dato taaaanto gas, con le conseguenti frenate..ehm ehm…comincio a capire il mio record..ma cavoli, OTTO MINUTI E MEZZO…impensabile!!!
Così trotterello verso lavoro e…sogghigno tra me e me..e il mondo che mi guarda perplesso..credo mi abbian presa per pazza.
Avete presente quando si dice VOLERE A? POTERE???
Ok, il mio ghignar incontenibilmente è per la consapevolezza dell’ennesima volta in cui mi son dimostrata, che tanto mi dicevo che sarei arrivata per tempo e a qualunque costo, quindi tanto l’ho voluto, che l’ho POTUTO 😛
Se domani troverete articoli su una strana figura aggiratasi con ghigno e spiritelli negli occhi, sapete già che ero io.

A lavoro??? D’OGNI!!!
Da Milano, ho fatto pipì a Venezia..e mi scappava da casa..ma, tra le tante, ho anche aiutato un deportato afgano in corso di rimpatrio e la sua gratitudine in quegli occhi lucidi rossi, senza esser capace di spiccicare 1 decimo di parola di italiano, sarebbe valsa trattener la pipì da Mi a VE e ritorno!!!
In sosta, momenti magici in una passeggiata fuori porta sotto magiche luminarie e atmosfera da wow.
Al ritorno….ahahahah, che ghigna, mi hanno fatta morire e come ho affrontato in inglese un russo arrabbiato e molto pericolo, senza io muovermi di un millimetro, senza cedimenti, senza tentennamenti, senza paura, mi hanno riempita di orgoglio per me stessa nel percepire quanto sia cresciuta e quanto sia in sempre continua evoluzione..spaventosamente wow.
Il collega: una piacevole compagnia e bella scoperta.

Nel frattempo, giornata di relazioni, con ripresa contatti con vecchi passati contatti e…solo a oggi, è emerso che 3 persone (una relazione, una frequentazione e un nulla) han più vivo che mai il desiderio, mai abbandonato, di rifarcela con me, di riuscire a sposarmi e far figli con me…sono seri..e hanno lanciato a modo loro l’intenzione all’Universo…ma siamo pazzi???
Amico mio, Universo: tu che tanto mi ascolti, mi ami, mi dai tanto…A? matematico che non puoi accontentarli tutti e 3, già uno è troppo, anche perchè io sono una e non me li posso sposare tutti e 3 (e so per certo, che in realtà, che voglion tutto ciò son ben più di 3) e a dirla tutta, NON me ne sposo nemmeno mezzo!!!!!
Sii buono, Universo: per buoni e, tutti e 3 PER CERTO, meritevoli che siano, le loro intenzioni NON vanno ascoltate, chiaro??? Ascolta me, fidati: NO!!!! Sai che i miei flussi son ultra potenti, me lo hai insegnato e dimostrato ogni giorno di più, quindi sai che IO l’avrà vinta, tu, però, non ci provare ad assecondarli, perchè so che nella vita…mai dire mai..io non son un premio, quindi…sii clemente 😛

Grazie 2014, grazie…e che frenesia e risultati e successi e sogni diventati realtà e cuore a mille e consapevolezze e amore e aiuto e brum brum ed euforia e magic moments..SIA!!!!

Ed è stato solo il primo giorno hihihihihihihihihihihihihihihihi…shhhh ;-)))

Infinitamente…RUSH…da diversi punti di vista…da DENTRO ;-)

Sabato ho visto per la 1° volta RuSh col mio papà ed è stato speciale, per il momento unico condiviso con lui e per averlo visto con lui, che è un pezzo di storia dell’automobilismo vivente.

Stasera, dopo una splendidissima serata in OTTIMA compagnia, rieccomi a vedere RUSH con un grande amico, un pezzo da 90 dell’automobilismo.

Con stasera, ho capito che potrei rivedere Rush per la 3°-4°-5°—-volta, senza stufarmi mai e sentendolo ogni volta come unico.

Con stasera, ho capito di quanta gratitudine io abbia in ogni mio atomo per le infinite fortune, che cullano la mia vita.

La 1° visione, appunto, è stata con mio padre, col quale è stato un continuo confronto e relativa analisi i ogni dettaglio motoristico e storico. Non ero una spettatrice qualunque, ero DENTRO il momento, DENTRO la storia del film, perché ho la fortuna di avere per padre un monumento della storia dell’automobilismo e questo fa sì che, ciò che posso avere io da lui e che nessun altro potrà avere mai, è semplicemente unico..come dire di esser figlio del Ferrari di turno e ciò che esce dalla sua bocca, sono condivisioni uniche, di cui solo tu hai la fortuna di avere.

Stasera l’unicità si è ripetuta, in compagnia di un grande pilota, un grande tecnico, un grande insegnante, uno splendido amico e compagno di avventure. Meccanico di colui che fu pilota F.1, Brambilla, come amico di tanti, tra cui il mio amico Arturo Merzario, anche lui è un pezzo di storia vivente, ma non per vecchiaia, che non ha, ma per esser stato al fianco dei grandi, di aver visto in prima linea quelli che per noi sono momenti unici, che hanno segnato la storia dell’automobilismo. Immaginatevi di vedere RUSH con un personaggio del genere e sentire riconoscere tutti i suoi vecchi amici, tutte le sue conoscenze, tutti i retroscena, che solo chi era Là poteva conoscere, tutte le auto e i dettagli, che per noi posson essere solo vecchi filmati.

Sapete cosa significa vedere tale film con 2 po-po’ di persone???

Sapete cosa significa vederlo con chi era DENTRO il film e che me lo hanno fatto vivere da dentro e non come semplice elemento del pubblico davanti a uno schermo???

Sapete cosa vuol dire vederlo con chi vi racconta cose che nessun altro probabilmente saprà mai????

Sapete quale onore, quale orgoglio rappresenti tutto ciò???

Significa che la vita mi ha sempre ricoperta di grandi fortune, mi ha donato tanto sin dal 1° giorno della mia esistenza e sino a ogni mio singolo ultimo respiro, continua a farmi cotali doni.

Significa che io ho la fortuna di avere nella mia vita una passione unica e speciale per l’automobilismo e mi ha graziato con persone di primo rilievo in questo contesto motoristico, che tanti si sognano, tanti altri li vedono in tv o li leggono sulle testate stampa, mentre per me questi sono amici, conoscenti, persone a cui do del tu, persone che son loro a riconoscermi e a chiamarmi per nome, davanti ai miei amici, che mi guardano come 1 aliena, perché loro vorrebbero autografi,foto, strette di mano, contemplandoli come fossero dei e io…ehi amici miei, com’è? che non ho autografi e foto vostre??? Perché di solito non lo fai con gli amici, ma ti rendi conto che per gli altri sono pezzi da 90 al cui solo pronunciarne il nome, anelano.

Significa essere piena di gratitudine per tutto ciò..infinitamente grata..e spero che col mio programma radio sul motorsport, che condurrà presto, io possa condividere con tutti voi tutto ciò, le mie esperienze, in questo mondo di brum brum, le mie conoscenze, le mie amicizie, le mie “cose uniche”, che mi riempiono il cuore come mai potrete capire. Che serve la felicità, la gioia e la fortuna, se non li condividi??? Io voglio farlo con il mondo intero e mi impegno a farlo al meglio…non c’è? fortuna, senza condivisione.

Piena di infinita gratitudine: GRAZIE GRAZIE GRAZIE

Far l’Amore con le curve :-)

Auto + me + strada + musica..
..tratto dopo tratto, curva dopo curva..ti imbatti nella prima, sinuosa, accattivante, sensuale, ammaliante..la studi, la senti, la vivi con tutto il corpo..auto-corpo-strada-curva diventano tutt’uno. Lei, la curva che la fa da padrona, mi travolge, si fa accarezzare, si fa percorrere e io la seguo in totale simbiosi con tutta me stessa nella sua dolcezza, nella sua irruenza, nella sua forma più estrema, nel susseguirsi cm dopo cm della sua più provocante rotondità e il mio corpo ne prende le sembianze..fino alla curva dopo..questa più timida, riservata..ti imbatti in essa, ma, in previsione di quella successiva, assai più generosa, sacrifichi la prima per concederti completamente alla seconda..e così via, come a fare l’amore in questa sensualissima danza immacolata ed eterna come nell’8 dell’Infinito..uuuu..da perdizione 😉 

Perchè scrivo di me..

Più volte mi è stato chiesto…incuriositi per mille ragioni, ogni tanto mi viene chiesto, perché io scriva tanto di me, così pubblicamente, così genuinamente, ingenuamente, talvolta scioccamente..rispondo più o meno sempre allo stesso modo, com’è ho fatto anche con Già diversi giorni fa all’esordio del nostro messaggiare, ma oggi mi si è presentata l’occasione per rispondere lui in maniera quanto più esaustiva possibile..

-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

Proprio stasera un’amica, a cui voglio molto bene, mi ha scritto delle cose stupende:

– Che donna che sei!!!!!

Ma come fai???

– A dire il vero, non lo so, per me è normale, direi naturale. Io onestamente non saprei far diversamente. Mi sentirei spegner, mi sembrerebbe di non esser viva..lo vivo, quando mi fermo, duro poco..starei male, se non fossi così. Non so spiegarti, sono come succube dell’imparare. Per me, la vita è troppo bella per non prenderne e apprenderne ogni cosa. Così tante cose da fare, da imparare, da vedere, ma soprattutto da vivere. Vivo con gli occhi sgranati dallo stupore come quelli dei bimbi. Vivo con la meraviglia nel sangue, è la mia linfa.

– Sei bestiale.

Mi carichi un sacco.

Ti leggo.

Quando sono pensierosa, vado sul tuo profilo e sono felice.

.-.-.-.-.-.-.-.–.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

Copio-incollo e giro solo le parole di lei al mio amico..e..

“Capisci, ora, qual è il senso dei miei post? Tante persone mi riempiono di messaggi di questo tipo”

– Concordo. Per lo stesso motivo, ti rompo le scatole tutti i giorni e adoro chiacchierare con te.

“Beh..Facebook e social vari sono, per lo più, strumenti usati impropriamente. Per me, è uno strumento per cambiare il mondo. Non leggere, per favore, presunzione nelle mie parole..TE NE PREGO..Il mondo si cambia dalle piccole cose..e anche la pace nel mondo si può avere, facendo piccoli gesti ogni giorno. Io mi sento sinceramente speciale (Per inciso: ciascuno di noi dovrebbe trovare in sé il proprio motivo per cui sentirsi speciali, perché tutti lo siamo!). ”

– E lo sei. Con la convinzione di esser molto fortunato, mi addormenterò sereno.

“Sarà, perché ho questo modo particolare di usare i sensi..ogni mio senso..ogni mio pensiero..non so..mi sento su un altro piano, rispetto agli altri, ma non intendo superiore, solo come su ..su un mondo parallelo tutto mio..i miei occhi vedono diverso, la mia pelle sente diverso, così come le mie orecchie..non so..quando apro bocca, non so tirar fuori le parole che ho dentro, ma quando scrivo, tutto cambia come per magia..quando scrivo, sono IO..e forse è un dono, non lo so..ma che lo sia o no, è qualcosa con cui posso aiutare tante persone che hanno bisogno di questa parte di me, di questo che so dare, perché ciò che fa la differenza è proprio DARE e io do questa parte di me, che fa la differenza per gli altri, negli altri, con gli altri. Non so fare molto, ma questo sì e ho scoperto che ha grande importanza, fa quella differenza che lascia il segno e a me non costa niente, non costa fatica, niente artifici, semplicemente me, spontaneamente me.

Questo è il mio senso nel mondo. E’ il mio posto su questa terra. E’ il ruolo o compito che ho nel mondo. ”

– Ti ammiro.

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-

Un sms..solo un sms..ed ecco la più entusiasmante delle avventure, appena cominciata :-)

Esistono davvero parole che possano descrivere certe emozioni, che talvolta nemmeno il cuor sa ben definire? Già, perché quello che ora il mio di cuore contiene è qualcosa non propriamente definibile..un sms..era solo un sms..quello in cui offrivo il mio aiuto a una persona importante e speciale della mia vita e speciale a prescindere, che colpita dalla SLA, ha deciso da molto tempo di lasciar traccia scritta della sua vita, delle sue avventure, di ciò che ha visto, vissuto, fatto, della storia, la nostra storia, quella che è stata nascosta da chi non voleva che venisse a galla, che fosse nota..e che io e altre manine di altre sante persone coinvolte, avremo la fortuna di vederle prender forma per iscritto, grazie al nostro aiuto..ma la SLA stessa, che da una parte è colpevole di limitarlo in questa sua missione di dare vita a quanto scritto sopra, tramite l’immortale parola scritta, dall’altra è colei che gli ha fatto prender la decisione definitiva di intraprendere quest’impresa fenomenale..quest’ometto di oltre 70 anni dal gran cuore, ha incrociato e condiviso strade con persone che molti altri posson solo sognare..quest’ometto divideva la “cameretta” con Angelo Scola..l’attuale Cardinale e Arcivescovo di Milano..ha conosciuto il ragazzo che ha segnato la fine di Parolini..e tant’altro che non posso dire..si posson davvero descrivere le emozioni di un’ora e un quarto di condivisione con la storia ancora viva dinnanzi ai miei occhi???

Una giornata che mi ha premiata due volte. Premio #1

Oggi sono stata premiata per ben due volte e solo a inizio giornata, ho il cuore colmo di emozione.

Premio #1:

Dopo vari e vari e vaaaari tentativi di coinlvolgere la mia famiglia nel mondo della formazione, tentando più e più volte di farli partecipare a corsi, serate promozionali, eventi, oggi, per la prima volta, la mia mamma è venuta e a me bastava questo per aver ricevuto il premio più grande, perché il mio credo verso il voler un mondo migliore intorno a me, coinvolgendo quante più persone ai corsi di formazione, in cui credo davvero molto, affinché la vita di ciascuno sia sempre migliore, ha fatto sì che io non abbia mai mollato, perché non ho mai smesso di desiderare che i miei stiano sempre solo meglio…e oggi ce l’ho fatta con la mia mamma!!! Wow!!! Pochi di voi potranno capire cosa significa davvero tutto ciò per me…la sfida più grande sarà il mio papà, un muro di cemento armato da sfondare e oltrepassare, ma ce la farà, perchè ci credo!!! E per di più, mia madre mi sta dando un sacco di soddisfazioni, comunque vada, poi. Ecco cosa ho risposto in un commento a un amico, in merito a questo: ” …continua a girarsi da me e dire: “sì sì, questo anche io/ questo anche a me/ questo serve a tuo padre/ questo dovrebbe proprio farlo tuo padre/ sì sì, questo è proprio tuo padre/ tuo padre fa proprio così (se non si è capito, tutto ciò che riguarda mio padre va per la maggiore)/ questo corso dovrebbe farlo tizia, te la ricordi la portinaia?????” – “mamma, questi corsi li dovrebbero fare tutti a questo mondo” -“questo corso mi piace, non è mica come quelle cazzate…” (grazie mamma, son 2 anni che sto cercando di fartelo capire e di farti venire, quanti pianti a ogni tuo rifiuto)…poi, è fortissima, perché mi chiede come me faccio a seguire, ascoltare e usare tablet e telefono contemporaneamente, senza perdere nulla (non è proprio così, ma va bene. Non posso starle a spiegare ora, che io sono visiva..ipervisiva e lei…non ho ancora capito se è uditiva o cinestesica…in ogni caso, non posso stare a spiegarle tutte queste cose, come anche che son 2 anni che faccio corsi e corsi e sono un tantino più avanti. La cosa più bella è quando si gira verso di me e mi chiede di ripeterle dei concetti, perché sta prendendo appunti e vuole capire, lei che nemmeno voleva prendere la penna e prender appunti…ricambia i tuoi saluti e mi ha detto detto dirti che ora anche lei è affondata qui (è il suo modo di dire che le piace :-):-):-) ).”

“Te l’ho detto che è una tosta. Non è che me la ritrovo davanti a me al Fire Walking?”

“Ahahah, possibilissimo e ti spiego pure perché: Max ha nominato ripetutamente Robbins e ha parlato del Fire Walking. Le dico che ai corsi di Robbins, e per la precisione a Maggio, io sono una di quelli che prepara la carbonella per la “passeggiata”..il suo sguardo, prima di questo primo approccio alla formazione, si traduceva in: “le solite cazzate sue/ un’altra di quelle cose strane che fa lei/ eh???”…dopo oggi, invece, si traduceva con: “ahhh, ma dai??? Interessante, che roba è??? Voglio capire”…ero allibita e stupendamente compiaciuta. A pranzo, ci raggiunge la migliore amica di mia mamma. Dallo sguardo e dallo zero prendere appunti, pensavo non le fosse servito a niente. Usciamo prima di fine giornata, perché son dovuta venire a lavoro ed ecco mia madre entusiasta e la sua amica quasi più di lei e questa dice che grazie a questo corso (è entrata alle 14.40, uscita alle 17.30…quanto potrà aver sentito, rispetto a 2 giorni di corso???), le si sono ampliate le vedute, le si è aperta la testa, ha capito tante cose “grazie a questo corso”…ma molto del tipo che ora ha capito tutto. Io le dico che non è che a un millesimo di quello che le danno i corsi…mi guarda esterrefatta..si parla, accettano entrambe di venire a ogni occasione come questa, eventi, serate, etc etc, purché gratis…spiego che, però, serve fare anche gli altri a pagamento ed ecco insorgere con il solito non aver soldi, ma non detto col tono scontroso del classico “non ho soldi, non ho tempo”; erano più morbide, detto più in automatismo..vedevo uno spiraglio di una, finalmente, apertura mentale, così le dico che a questi corsi insegnano anche a far soldi..non mi hanno guardata strana..ottimo :-). Poi, gli lancio lì di venire a fare l’Upw a Londra, quindi di iniziare a mettere 100€ al mese da parte…non hanno detto sì, ma nemmeno no; erano entrambe tentate…capite???? Contro la chiusura totale, si è appena aperto un varco…addirittura con 2 persone :-):-):-):-)

Non è finita: tempo fa..mooooolto tempo fa…regalai a mia madre il libro “Leader di te stesso” di Roberto Re…non l’ha mai nemmeno aperto. Oggi compro quello di Max e visto com’è andata la giornata, le chiedo, già lo aveva conosciuto di persona, lo aveva sentito e associava quegli argomenti a lui, se vuole leggersi lei il libro per prima e poi lo avrebbe passato a me…accettato!!! Biiiiiiingo :-):-):-):-):-) E io, haaaaaappy :-):-):-):-)”.